Logo



05 Ottobre 2009
FABRIZIO MUSA “Progetti per il Santo Volto di Mario Botta”

Montrasio Arte via Carlo Alberto 40 Monza
inaugurerà lunedì 5 ottobre 2009 alle ore 18.30 la mostra di FABRIZIO MUSA
“Progetti per il Santo Volto di Mario Botta”
presenti Mario Botta e l’Artista.

La mostra, a cura di Francesca Montrasio, si apre in concomitanza con il Forum Unesco su Impresa e cultura alla Villa Reale di Monza e propone un gruppo di dipinti di Fabrizio Musa ispirati al progetto della nuova chiesa del Santo Volto in Torino dell’architetto svizzero.
Le opere eseguite a colori acrilici in grandi dimensioni, sono accompagnate ad alcune serigrafie a bassa tiratura, e ad un lavoro site specific realizzato con monotipi che si compongono in un’unica opera.

La rassegna proseguirà fino al 24 ottobre 2009
orari da martedì a sabato dalle10.00 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.00.
Chiuso domenica e lunedì.


Mario Botta (Mendrisio 1943, laureato all’Università di Venezia nel 1969, contatti con Le Corbusier e Louis Kahn), è considerato tra i massimi architetti contemporanei. Inizia a lavorare ai progetti per la nuova chiesa parrocchiale del Santo Volto in Torino nel 2000 su commissione del cardinale Severino Poletto. Si è trattato di un intervento monumentale fortemente centripeto, capace di dialogare con le tipologie della storia degli edifici ecclesiastici ma anche di collegarsi con uno spazio circostante tipicamente odierno, un’area industriale dismessa, facendo rinascere la spiritualità nell’azione quotidiana. Così l’architettura, secondo il pensiero di Botta, può farsi interprete delle istanze e delle speranze del nostro tempo. L’edificio, compiuto nel 2006, si sviluppa con i suoi diedri tipicamente angolati su una superficie di 26.500 mq per 125.000 m3 e presenta interni a pianta circolare e luci spioventi da vasti spicchi, una trascrizione su marmo del volto della Sindone e annessi a torre con strutture esterne spiralate.


Fabrizio Musa, nato a Como nel 1971, vive e lavora a Como e New York. Espone dalla metà degli anni ’90 in personali a Milano, Como, Bergamo, Bruxelles, Stoccolma e New York, privilegiando l’intelligenza dei rapporti tra pittura – cinema e architettura, in particolare quella del razionalismo lariano di cui è profondo conoscitore e divulgatore, in mostre e seminari dedicati alla figura di Giuseppe Terragni in occasione del centenario della nascita. Nel 2004 ha realizzato il Wall paint Novocomum, nel 2005 un Wall Paint Asilo Sant'Elia, opere permanenti in luoghi pubblici di Como. Del 2006 è il Women's portraits in esposizione permanente sulla Second Avenue a New York. Del 2007 sono due rassegne dal Cinema all'Architettura in spazi milanesi. Del 2008 un intervento sul tema Archipittura al Seminario Razionalismo lariano al Politecnico di Milano e la rassegna Santo Volto Txt in collaborazione con l’architetto Mario Botta al Garage 500 di Torino, organizzata dall’Associazione culturale Passaporto.

Back