December 2021 Casa del Fascio _ Como

INTANGIBLE (INTANGINBILE/TANGIBILE)

Chiara Rostagno

OPERA: COMUM PORTRAITS TXT

AUTORE: FABIZIO MUSA

ANNO: 2013-2021

TECNICA: acrilici su tela e istallazione digitale.

DESCRIZIONE:
Mario Botta ha detto che la pittura di Musa è una “sorpresa”, ed è una lettura che permette di “immaginare”. Quando questo accade con le biografie, sembra che la storia ci guardi negli occhi e sappia affiorare dal buio.
A Giuseppe Terragni, lo spazio che oggi chiamiamo Piazza del popolo, piaceva per la sua capacità di abbracciare la storia della città: dall’antichità fino al contemporaneo. Fabrizio Musa lavora esattamente su questa visione e sull’idea di rendere tangibile, e di dare un volto, alla storia della città.
E’ una storia fatta di persone: dei loro sogni, delle loro opere e del loro vissuto.
L’opera si compone di ritratti, in bianco su nero, ciascuno portatore di una biografia: Plinio il Vecchio, Alessandro Volta, Carla Badiali, Antonio Sant’Elia, Giuseppe Terra-gni e Giuditta Pasta.
Sulla superficie della Casa del fascio affiorano, dall’ombra, i loro volti e i loro nomi: perché possano entrare nell’immaginario delle persone e rendersi confidenti.
Musa insiste, giustamente, nel dire che questa sua istallazione sia un dono.
Un dono voluto per la città e coloro che la vivono, in questo Natale che si confronta con le biografie (e le storie) di ciascuno di noi: tra chiari e scuri.

L’OPERA CHE NON C’E’. UN TRIBUTO A TERESA CICERI.
I nomi delle scuole, delle vie e delle piazze dovrebbero tenere viva, in ciascuno di noi, la memoria di persone che hanno dato un contributo importante alle comunità. Teresa Ciceri è un nome che tutti conoscono. Pochi, pur tuttavia, hanno confidenza con la sua storia: che è meravigliosa. La sua stessa immagine pare svanire nell’oblio ed è consegnata ad una sola tela, custodita nel Museo civico di Como.
Musa ha lavorato tenacemente sul suo ritratto, mettendo in evidenza i tratti decisi e nitidi di una donna che ha saputo precedere i tempi e vivere pienamente.
Lei, Teresa Ciceri Castiglioni, è stata un’agronoma e donna sapiente (“coltissima dama”, come la definisce Pietro Verri), attiva nel sostenere importanti innovazioni nella coltivazione dei suoli e nella trasformazione dei prodotti agricoli.
Lo stesso Alessandro Volta la definisce come “donna Teresa Ciceri, dama comasca, mia singolar padrona e amica”.
I documenti lasciano affiorare la memoria di una donna capace, concreta, razionale e poco incline a esibire i propri meriti, al punto di far fondere la medaglia d’oro rice-vuta dalla Società patriottica di Milano, per realizzare oggetti preziosi ma di uso quo-tidiano.
Nata nel 1750 ad Angera, è morta a Como nel 1821.
A duecento anni dalla sua scomparsa, questo ritratto vuole contribuire a restituire alla città la memoria viva di una donna che, nonostante le difficoltà della vita e di madre (di 12 figli), non ha mai perduto la forza e la volontà di dedicarsi all’arte, alle scienze e al sogno di un futuro migliore.

LINK: TERESA CICERI PORTRAIT TXT

L’AUTORE, IN UN RITRATTO DI 2 PAROLE
Fabrizio Musa ha un’attitudine naturale per la bellezza dell’immagine.
La cattura, attraverso la fotografia e lo studio, e la restituisce trasformata sulla su-perficie dipinta, attraverso il bianco e il nero.
Questa sua capacità di cercare il bello spazia tra il mito e il quotidiano.
Ogni soggetto ha una sua bellezza, che bisogna cercare e fissare, come avviene per le emozioni.
Cresciuto artisticamente lontano dalle accademie e dalle gallerie, Musa studia le persone e le forme in modo originale. Dice che per lui dipingere è un modo per “far vedere” e per condividere la sua lettura delle forme e del mondo.
In questo suo lavoro e desiderio di dialogo, la luce è lo strumento principale.

Chiara Rostagno PhD

ARCHITETTO
Ministero della cultura

Segretariato Ministero della Cultura per la Lombardia
Referente scientifico per la valorizzazione di Palazzo Litta

Direzione Regionale Musei Lombardia
Referente territoriale SMN - Ricerca e progetti educativi estero